5010 visitatori in 24 ore
 217 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



La sua poesia preferita:
Il figlio lontano
Mia nipote e
mio figlio lontano,
ricordo, li tenevo per mano.

Tenerezza struggente,
malinconia evidente,
come stella dal cielo cadente!

Nostalgia dell’antico letto,
quando dolce bambino
ti stringevi sul mio petto!

Poi fuggire per...  leggi...

Nell'albo d'oro:
La "spartenza" dal paese natio
Fu triste "spartenza"
dal paese natio,
tra le mani di Dio
affidai il dolor!

Ormai tanti anni,
in mente una chiesa,
febbrile l’attesa,
volevo tornar!

La prima mia vita,
con il santo nero,
resta un mistero
dentro il mio cuor!

In quella...  leggi...

Giuseppe Vullo
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Il figlio lontano (02/02/2017)

La prima poesia pubblicata:
 
Il figlio lontano (02/02/2017)

L'ultima poesia pubblicata:
 
A goccia lenta (05/01/2018)

Giuseppe Vullo vi consiglia:
 Pioggia e nozze a Morreale! (06/07/2017)
 Liceale d’Agrigento (02/03/2017)
 Crepuscolo tra le rose di maggio (11/02/2017)
 Il figlio lontano (02/02/2017)
 Viva Palermo e santa Rosalia! (04/02/2017)

La poesia più letta:
 
Il figlio lontano (02/02/2017, 1807 letture)

Giuseppe Vullo ha 2 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi i 566 commenti di Giuseppe Vullo

Le raccolte di poesie di Giuseppe Vullo


Autore della settimana
 settimana dal 25/09/2017 al 01/10/2017.
 settimana dal 28/11/2016 al 04/12/2016.

Giuseppe Vullo
ti consiglia questi autori:
 Alberto De Matteis

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Giuseppe Vullo? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Giuseppe Vullo in rete:
Invia un messaggio privato a Giuseppe Vullo.


Giuseppe Vullo pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Piccolo mondo moderno

Protagonista di "Piccolo mondo moderno" è Piero Maironi, il figlio di Franco e Luisa; sposato a una donna (leggi...)
€ 0,99


Considerazione dell'autore
«Una poesia nostalgica ed autobiografica. Il mio paese è denominato città dell’agnello pasquale i cui ingredienti sono appunto mandorle e pistacchi, una volta abbondanti nelle nostre campagne. La gente un tempo, nel dopo guerra viveva con sobrietà e poche spese. Poi il consumismo ha convinto la gente ad estirpare i mondorli e pistacchi per costruire palazzi e cementificare ed asfalatare dove c’erano questi meravigliosi frutti e quindi quelli di noi che vissero quei tempi possiamo solo ricordare con nostalgia i bei tempi andati.»
Inserita il 14/11/2017  

Giuseppe Vullo

La terra dei mandorli e pistacchi

Natura
Su una collina giaceva il mio paese,
di fronte alla dorica Agrigento.
Allora non c’erano stipendi a fine mese...
vivevamo con pasta e pane di frumento!

La vita scorreva lenta e poche spese,
ma eravamo sempre in gran fermento!

Sognavamo altri lidi ed altre sponde,
soleva volare alto ogni ragazzo favarese,
con voli pindarici ci cullavamo tra le onde!

Allora i carusi di san Calò, riuniti nella banda,
tanta strada a piedi per andarcene alla standa!

Salivamo la collina con il sole
ed i templi dentro agli occhi.
Da villa Gibilaro, via Imera, via Atenea
noi ragazzin ci andavamo rincorrendo!

Nelle campagne e nella valle, sentivamo
il profumo, di mandorli e pistacchi!

Ma adesso che abbiamo soldi e potere sulle cose,
adesso che sazi siam, ma dentro vecchi
svaniscono oramai i sogni e le grandi attese,
dolce è però il ricordo dei mandorli e pistacchi!

Preceduti da illustri letterati,
Sciascia, Russello e Pirandello,
giovanissimi partimmo alla volta di Palermo;
con la speranza in cuor come un fardello!

Adesso che il cammin è un po’ malfermo,
il ricordo dei mandorli e pistacchi
e perduta gioventù è ancor più bello!!




Giuseppe Vullo 05/03/2017 19:18| 9| 792

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«nostalgici ricordi d’infanzia, profumi di mandorli e pistacchi e l’innocenza a rallegrare la valle.
belle immagini che emozionano, e trascinano il lettore. Plauso al poeta.»
Club ScrivereMarinella Fois (24/11/2017) Modifica questo commento

«"Nell’arco dell’età di giovin ora,
meditavo, felice e conoscente,
nell’amica Bontà, Che ognun rincuora..."»
Vaibhava das Vito Parisi (24/11/2017) Modifica questo commento

«In questi versi i ricordi d'infanzia appaiono in un susseguirsi di immagini e sensazioni che definirei davvero unico nel suo genere.
È da liriche come questa che si percepisce l'intimo legame dell'autore alla sua terra; unica a fargli rievocare l'adolescenza nel profumo dei mandorli e pistacchi.
Piaciuta moltissimo per il verseggio e la sua raffinatezza.»
Club ScrivereFranco Scarpa (09/03/2017) Modifica questo commento

«ricordi che affiorano con il profumo dei mandorli e dei pistacchi in fiore e ci prendono per mano indietreggiando di molti anni quando speranzosi sognavamo un modo migliore, ma felici di quello che avevamo, oggi che molto abbiamo siamo meno sereni.»
Club Scrivereemiliapoesie39 (06/03/2017) Modifica questo commento

«Che nostalgia leggere questi versi che profumano di grande semplicità. Nella mente del poeta sono rimasti quei ricordi di gioventù che difficilmente si possono cancellare. Oggi le cose sono cambiate in peggio...
rimane però nelle narici dei giovani del tempo, il profumo del mandorlo in fiore e del pistacchio. Bravo.-»
Club ScrivereDonato Leo (06/03/2017) Modifica questo commento

«Lirica nostalgica, ricca di immagini, sensazioni, profumi... il poeta descrive con sapienti parole e immagini una realtà tipica dei nostri piccoli paesi quando la comunione, reciprocità e la pacifica convivenza erano valori fondamentali, sempre presenti come il profumo dei mandorli in fiore. Elogio al poeta»
Club ScrivereFranca Mugittu (06/03/2017) Modifica questo commento

«Sono ricordi di gioventù che con tanta e dolce nostalgia ritornano nel cuore e nella mente del valente Autore. Rimane ancora impresso quel profumo di mandorli e pistacchi e la semplicità e spontaneità della vita d'un piccolo paese di provincia, ricco però di bellezze naturali, artistiche ed umane. È una lirica, questa, dove accanto alla inevitabile nostalgia si avverte uno stacco netto tra un prima e un dopo, ed è estremamente encomiabile come il bravo Autore sappia trasmettere le sue sensazioni ed emozioni al lettore.
Un elogio sincero anche per la passione che mette nell'esporre simili tematiche molto care allo stesso. Bravo e complimenti.»
Club ScrivereAlberto De Matteis (05/03/2017) Modifica questo commento

«Il profumo di mandorli e pistacchi rimasto nel cuore a suscitare bei ricordi della fanciullezza, dove la gente viveva con poco e apprezzava quel che la vita dava... ma la speranza di un futuro migliore serpeggiava tra quei profumi di mandorli e pistacchi che inebriavano la valle. Oggi che tutto abbonda... sembra che tutto stanchi... Belle immagini e riflessioni in questa bella poesia!»
Maria Fiorella Corazza (05/03/2017) Modifica questo commento

«Quando leggo Poesie che trattano di ricordi lontani è inevitabile per me commuovermi... ricordi giovanili che adesso assumono un sapore diverso... l'autore parla della propria gioventù non facile per chi viveva in un paesino siciliano povero ma ricco di principi morali... era bello poter sognare un futuro diverso respirando l'aria pulita tra i profumi di mandorli e pistacchi... non si vedeva l'ora di recarsi a Palermo per poter riscrivere il proprio destino... e adesso che la vita è più agiata la commozione prende il sopravvento per quella spensieratezza lontana... sogni e speranza erano legittimi ma nel cuore e nell'anima mancano tanto quelle emozioni... bellissima Poesia... sia per contenuti che per lo stile...»
Club ScrivereGiacomo Scimonelli (05/03/2017) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Natura
La città dei templi
Siamo quarks ed elettroni
I profumi del mio giardino
La terra dei mandorli e pistacchi

Tutte le poesie

Addio alla poesia
17 settembre venerdi
Agrigento amore e tormento!
Akragas ultimo amore
Agrigento storia epica
Amico"diletto e d’intelletto"!
Amore di papaya
Angelo in volo
Bionda normanna Panormo 2
Viva Palermo e santa Rosalia!
C’era un nido a mondello
Casa, cose ed emozioni
Tomba di Terone
Una walchiria a Berlino 2
Pioggia e nozze a Morreale!
La piazza
Panormo bionda Normanna 1
La terra dei mandorli e pistacchi
Liceale d’Agrigento
La città dei templi
La chiusa di Berlino
Crepuscolo tra le rose di maggio
La battaglia di Himera
La "spartenza" dal paese natio
Cura fanta- poetica
Damarete donna tra due re
Forza e coraggio
Il figlio lontano
I profumi del mio giardino
Una walchiria a Berlino 1
Siamo quarks ed elettroni
Donna in ogni luogo


La spartenza dal paese natio
Il figlio lontano
La "spartenza" dal paese natio
Crepuscolo tra le rose di maggio
Viva Palermo e santa Rosalia!
Liceale d’Agrigento
Amico"diletto e d’intelletto"!
Pioggia e nozze a Morreale!
C’era un nido a mondello
Una walchiria a Berlino 1
Una walchiria a Berlino 2
17 settembre venerdi
Agrigento storia epica
Agrigento amore e tormento!
Akragas ultimo amore
Amore di papaya
Angelo in volo
Panormo bionda Normanna 1
Donna in ogni luogo
Bionda normanna Panormo 2
Casa, cose ed emozioni
Tomba di Terone
Siamo quarks ed elettroni
La piazza
Cura fanta- poetica
Damarete donna tra due re
La battaglia di Himera
Discesa agli inferi
Forza e coraggio
La terra dei mandorli e pistacchi
La chiusa di Berlino
La città dei templi
I profumi del mio giardino






Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it