5000 visitatori in 24 ore
 266 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



Giuseppe Vullo

Giuseppe Vullo

La sua poesia preferita:
La terra dei mandorli e pistacchi
Su una collina giaceva il mio paese,
di fronte alla dorica Agrigento.
Allora non c’erano stipendi a fine mese...
vivevamo con pasta e pane di frumento!

La vita scorreva lenta, e poche spese,
ma eravamo sempre in gran fermento!

Sognavamo, altri...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Il figlio lontano
Mia nipote e
mio figlio lontano,
ricordo, li tenevo per mano.

Tenerezza struggente,
malinconia evidente,
come stella dal cielo cadente!

Nostalgia dell’antico letto,
quando dolce bambino
ti stringevi sul mio petto!

Poi fuggire per...  leggi...

Giuseppe Vullo

Giuseppe Vullo
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
La terra dei mandorli e pistacchi (05/03/2017)

La prima poesia pubblicata:
 
Il figlio lontano (02/02/2017)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Discesa agli inferi (06/10/2017)

Giuseppe Vullo vi consiglia:
 Pioggia e nozze a Morreale! (06/07/2017)
 Ragazza liceale! (02/03/2017)
 Crepuscolo tra le rose di maggio (11/02/2017)
 Il figlio lontano (02/02/2017)
 Viva Palermo e santa Rosalia! (04/02/2017)

La poesia più letta:
 
Il figlio lontano (02/02/2017, 1351 letture)

Giuseppe Vullo ha 1 poesia nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Giuseppe Vullo!

Leggi i 567 commenti di Giuseppe Vullo

Le raccolte di poesie di Giuseppe Vullo


Autore della settimana
 settimana dal 25/09/2017 al 01/10/2017.
 settimana dal 28/11/2016 al 04/12/2016.

Giuseppe Vullo
ti consiglia questi autori:
 Alberto De Matteis

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Giuseppe Vullo? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Giuseppe Vullo in rete:
Invia un messaggio privato a Giuseppe Vullo.


Giuseppe Vullo pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Il fu Mattia Pascal

"Il fu Mattia Pascal" è un celebre romanzo di Luigi Pirandello che apparve dapprima a puntate sulla rivista (leggi...)
€ 0,99


Considerazione dell'autore
«Una chiesa che non esiste più perché fu abbattuta nel 1963. Io sono nato e battezzato in questa parrocchia di san calogero, del paese di favara. Sono partito tanti anni fa per motivi economici e di studio. Il mio è un paese di emigrazione ed il grande regista Pietro Germi, che aveva come assistente Federico Fellini, qui venne girato il film il cammino della speranza, che i miei familiari vedevano girare le scene dalla finestra. Quando si partiva e si lasciava la famiglia, il termine usato al mio paese era "spartenza", vocabolo dialettale che ha una doppia valenza, ovvero partenza e divisione o lacerazione. Gli uomini partivano soli e lasciavano le loro donne e le loro famiglie. Ma nonostante ora stiamo bene, tutto questo non lo possiamo dimenticare.»
Inserita il 13/09/2017  

Giuseppe Vullo

La "spartenza" dal paese natio

Introspezione
Fu triste "spartenza"
dal paese natio,
tra le mani di Dio
affidai il dolor!

Ormai tanti anni,
in mente una chiesa,
febbrile l’attesa,
volevo tornar!

La prima mia vita,
con il santo nero,
resta un mistero
dentro il mio cuor!

In quella chiesa,
dove io son nato,
fui poi battezzato,
come piccolo fior!

Io son come tanti,
i veri emigranti,
purtroppo distanti,
dal suo vero calor!

Or sono stanco,
casa mia è Palermo,
ho il passo malfermo,
mi devo fermar!

Si chiamava Favara,
la mia terra lontana
or la cosa più strana,
non la posso scordar!




Giuseppe Vullo 03/02/2017 09:32| 10| 1096

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Nota dell'autore:
«La chiesa di san Calogero del mio paese, Favara vicino Agrigento. Spartenza il termine dialettale che ha una doppia valenza " partenza e lacerazione", per emigrazione.»


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Lasciare il Paese per guadagnarsi da vivere e non sapere se un giorno si potrà tornare! Andare via lontano in un mondo che quasi non si conosce. Sono esperienze indelebili così ben descritte sentite e partecipate in questa veritiera e profonda lirica da conservare. Elogio!»
Club ScrivereGiovanni Ghione (30/09/2017) Modifica questo commento

«L'amore per la terra natia è come un albero con le sue radici... Un languore ha il cuore nell'allontanarsi e nel ritornarvi. Non si chiuderà mai alle spalle quella porta che ha visto i natali.
La lontananza non solleva il petto, restano la malinconia e il ricordo sempre presente.
Luoghi cari d'infanzia che hanno il sole dappertutto. Complimenti per i versi sentiti molto.»
Club ScrivereMariasilvia (02/03/2017) Modifica questo commento

«Struggente lirica dai versi intrisi di nostalgia. Sembra un destino segnato per tanta gente siciliana, il triste staccarsi dalle proprie origini, dalla propria terra natia che ha visto crescere le nostre radici, con le sue chiese, le sue feste, i suoi santi, gli affetti, gli amici che mai si dimenticheranno. Un bel componimento che è un elogio per Favara, ancor più lieta di aver dato i natali all'autore.»
Club ScrivereAngela Schembri (04/02/2017) Modifica questo commento

«Quanti di noi, giovani ed aitanti, sono partiti alla volta di un benessere. L'unica compagna è stata una valigia di cartone, all'interno della quale furono sistemati i ricordi. E' passato molto tempo quell'emigrante non potrà più vedere il suo paese natio. Quanta tristezza è rimasta nell'animo.»
Club ScrivereDonato Leo (04/02/2017) Modifica questo commento

«È sempre doloroso lasciare il proprio paese, il ricordo, la nostalgia albergano nei cuori di chi ha vissuto una tale esperienza. Versi profondi ed eleganti, elogio»
Club ScrivereFranca Mugittu (04/02/2017) Modifica questo commento

«Quando si lascia le proprie radici, impossibile non costringerla al cuore e desiderare di rientrare per baciare la terra.»
Club ScrivereMarinella Fois (03/02/2017) Modifica questo commento

«Spartenza, parola emblematica della emigrazione, la vedo nella sua etimologia derivata dal verbo spartire, ossia dividere e quindi un allontanamento per motivi di bisogno dalle proprie radici, dai propri affetti e dal paese natio. E questo implica quella lacerazione di cui fa cenno il bravo poeta medico nella nota. È una lirica struggente questa per tutti i ricordi infantili nella sua Favara... la Chiesa, il battesimo, gli amici, tutti i luoghi più cari. Si respira tanta nostalgia e forse anche il rimpianto per l'abbandono di ciò che era ed è molto caro. Il tutto con una forma stilisticamente perfetta anche per via di quella rima baciata in ogni quartina e del quarto verso tronco. Tutto ciò costituisce un valore aggiunto e non "deminutio"»
Club ScrivereAlberto De Matteis (03/02/2017) Modifica questo commento

«La partenza dal paese natio è una decisione dolorosa e il dolore lo si porta nel cuore... Ci sono poi, i luoghi dove il cuore stesso ha lasciato la sua impronta e nulla si può scordar... L'emigrante non ha estirpato le sue radici, ma le disseta continuamente con i ricordi, così tutto resta vivido e impresso nella sua mente. L'autore racconta della sua spartenza... e coinvolge in modo incisivo anche il cuore del lettore!!! Complimenti per il testo!!!»
Maria Fiorella Corazza (03/02/2017) Modifica questo commento

«lasciare la terra nativa credo sia un distacco dolorosa che si ripete nel tempo,
l'autore con nostalgia ricorda la borgata, la chiesa dove giovane frequentava,
gli amici anch'essi esuli il desiderio di ritrovarsi è ben descritto in rime.»
emiliapoesie39 (03/02/2017) Modifica questo commento

«Un gradevolissimo verseggiare per ricordi incancellabili... la partenza dalla propria terra lacera il cuore ed emigrare vuol dire lasciare affetti e un pezzo di anima dove si è nati e cresciuti... il ricordo è vivo e palpita dentro il cuore dell'uomo che oramai sa che casa sua è un'altra città... è tardi ritornare nell'amata cittadina natia perché la stanchezza ha preso il sopravvento e quindi non si può far altro che cullarla e rimembrarla... versi efficaci che nella loro dolce malinconia catturano l'attenzione del lettore»
Club ScrivereGiacomo Scimonelli (03/02/2017) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:

smiley Delizioso e commovente testo..bravo Giuseppe (Giacomo Scimonelli)

smiley Un caro saluto e buona giornata (Giacomo Scimonelli)

smiley apprezzata , complimenti e buona giornata... (emiliapoesie39)

smiley Bravissimo.. una splendida lirica.. complimenti. (santo aiello)

smiley una bella poesia! Un saluto (Rosanna Peruzzi)

smiley POESIA MOLTO TOCCANTE!!! (Maria Fiorella Corazza)

smiley COMPLIMENTI SeF, CIAO GIUSEPPE!!! (Maria Fiorella Corazza)

smiley emozionante poesia evocativa di tanti (Alberto De Matteis)

smiley emozionante poesia evocativa di tanti (Alberto De Matteis)

smiley emozionante poesia evocativa di tanti (Alberto De Matteis)

smiley ricordi che la erano il cuore sf. B. serata (Alberto De Matteis)

smiley Bravissimo..lirica piaciuta molto. (Marinella Fois)

smiley Bravissimo..lirica piaciuta molto. (Marinella Fois)

smiley Bravissimo..lirica piaciuta molto. (Marinella Fois)

smiley Bellissima, Like. (Angela Schembri)

smiley Molto bella! Nostalgica. Ciao (Franca Mugittu)

smiley Nostalgica lirica. Ben tornato. sef (Donato Leo)

smiley Nostalgia canaglia. Complimenti! Grazie! SF (Mariasilvia)

smiley Poesia che tocca il cuore! (Maria Fiorella Corazza)

smiley Ho riletto con attenzione la tua bellissima (Maria Fiorella Corazza)

smiley intervista su siciliaonpress! Piaciutissima!!! (Maria Fiorella Corazza)

smiley Ho cercato anche la copertina del libro, piaciuta (Maria Fiorella Corazza)

smiley Buona serata Giuseppe! Ciao! (Maria Fiorella Corazza)

smiley Intensa nostalgca e ritmica introspezione! (Giovanni Ghione)

smiley intendevo copertina del libro "Sogni e passioni" (Maria Fiorella Corazza)

smiley molto originale! Buona giornata Giuseppe! (Maria Fiorella Corazza)

smiley Bellissima poesia, riletta con piacere... (Sara Acireale)

smiley COMPLIMENTI AUTORE DELLA SETTIMANA (Sara Acireale)

smiley CIAO AUTORE DELLA SETTIMANA! COMPLIMENTI! (Maria Fiorella Corazza)

smiley Introspettiva, scandita da elegante ritmo, bella. (RossellaP)


Amazon Prime

Link breve Condividi:


Introspezione
Crepuscolo tra le rose di maggio
La "spartenza" dal paese natio

Tutte le poesie

Addio alla poesia
17 settembre
Agrigento amore e tormento!
Akragas ultimo amore
Agrigento storia epica
Amico"diletto e d’intelletto"!
Amore di papaya
Angelo in volo
Bionda normanna Panormo 2
Viva Palermo e santa Rosalia!
C’era un nido a mondello
Casa, cose ed emozioni
Tomba di Terone
La ragazza di Berlino 2
Pioggia e nozze a Morreale!
La piazza
Panormo bionda Normanna 1
La terra dei mandorli e pistacchi
Ragazza liceale!
La città dei templi
La chiusa di Berlino
Crepuscolo tra le rose di maggio
La battaglia di Himera
La "spartenza" dal paese natio
Cura fanta- poetica
Damarete donna tra due re
Forza e coraggio
Il figlio lontano
I profumi del mio giardino
La ragazza di Berlino 1
Siamo quarks ed elettroni
Donna in ogni luogo


La spartenza dal paese natio
Il figlio lontano
La "spartenza" dal paese natio
Crepuscolo tra le rose di maggio
Viva Palermo e santa Rosalia!
Ragazza liceale!
Amico"diletto e d’intelletto"!
Pioggia e nozze a Morreale!
C’era un nido a mondello
La ragazza di Berlino 1
La ragazza di Berlino 2
17 settembre
Agrigento storia epica
Agrigento amore e tormento!
Akragas ultimo amore
Amore di papaya
Angelo in volo
Panormo bionda Normanna 1
Donna in ogni luogo
Bionda normanna Panormo 2
Casa, cose ed emozioni
Tomba di Terone
Siamo quarks ed elettroni
La piazza
Cura fanta- poetica
Damarete donna tra due re
La battaglia di Himera
Discesa agli inferi
Forza e coraggio
La terra dei mandorli e pistacchi
La chiusa di Berlino
La città dei templi
I profumi del mio giardino






Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it